La Dieta mediterranea è uno stile di vita e regime alimentare comune ai popoli che abitano i piccoli centri lungo la costa del mar Mediterraneo. Uno stile di vita legato da un lato ad uno stretto rapporto tra le persone, il cibo, l’ambiente e il territorio: il lavoro dei campi, la pesca e la pastorizia. Un modo di vivere e di alimentarsi che porta naturalmente a preferire cibi freschi e poveri, verdure, pesce azzurro, olio di oliva, spesso autoprodotti o provenienti dagli stessi territori in cui si vive.

Dall’altro, legato alla concezione del cibo come elemento di relazione tra le persone, un cibo che unisce e che tiene insieme attorno alla tavola, un cibo che fa comunità.

Dagli studi portati avanti a partire dagli anni ’50 dal prof. Ancel Keys e da altri importantissimi fisiologi e scienziati di diversa provenienza, si è dimostrato come questo stile di vita e regime alimentare sia il più efficace strumento di prevenzione di alcune malattie molto comuni, come gli infarti, l’arteriosclerosi, le ischemie e il diabete, ma anche diversi tumori, malattie croniche e la depressione.

Per questi motivi, la Dieta mediterranea ha ricevuto negli ultimi anni notevoli riconoscimenti internazionali, dall’Unesco che nel 2010 l’ha inserita nella lista del Patrimonio culturale immateriale dell’Umanità, alla Fao che due anni dopo l’ha dichiarata modello alimentare più sostenibile capace di sconfiggere la fame nel mondo, fino all’OMS che l’ha più volte indicata come la più salutare, invitando i medici di base a prescriverla come alimentazione consigliata.

Una dieta strettamente legata al Cilento, perchè fu a Pioppi, frazione di Pollica – dove oggi sorge un Museo a lui dedicato – che Ancel Keys volle realizzare la sua dimora elettiva, luogo di studio sul campo e di meditazione. Da casa sua riusciva ad osservare le rovine di Elea, la patria dei medici-filosofi Parmenide e Zenone, che molti secoli prima di lui avevano iniziato a curare con il cibo. Anche per questo, Pollica-Cilento è riconosciuta dall’Unesco comunità emblematica per l’Italia della Dieta mediterranea.

Oggi il Ciao Study comincia a dare dimostrazione di come, anche la straordinaria longevità e buona salute dei cilentani sia strettamente collegata alla Dieta mediterranea.